Per Un’Economia della Cultura

a

Dal principio del “No Profit” al Business Etico in Cultura

WORKSHOP

Roma – giovedì 18 giugno 2009 Ore 10,00 – 19,00

ARA PACIS (SALA CONVEGNI)

L’Industria Culturale è, in Italia, un’eccellenza: il business che ne deriva può e deve essere consolidato fino a costituire un caposaldo per il rilancio dell’Economia sviluppando il proprio potenziale sia in termini di innovazione sia in termini di crescita economica. Questo comparto attinge dal giacimento creativo che opera nel sommerso, attraverso l’azione di operatori che si muovono in ambito prevalentemente associazionistico attuando politiche culturali anche valide ma non strutturate in una cornice progettuale tale da  attrarre e giustificare investimenti adeguati dal mondo delle imprese. Alla luce di questa evidenza è possibile e necessario superare i limiti, le restrizioni e le ambiguità alimentate dal pregiudizio ideologico secondo il quale, ancora, tradizionalmente, Cultura e Profitto non possano coesistere, anzi, si elidono a vicenda.

Il workshop promosso dal MOVE ON 1X100 di TestaccioLab rappresenta un momento di incontro e scambio fra istituzioni, imprese e operatori culturali di tutta Italia che si confronteranno sull’applicazione concreta del principio dell’Economia della Cultura per cogliere proposte innovative, individuare limiti, opportunità, modelli e strategie che concorrano alla trasformazione di cultura e creatività in fattori di crescita economica che si traducano in punti di Pil.

La giornata si articolerà in tre sessioni distinte, dedicate rispettivamente alle esperienze più interessanti e di maggiore successo sul territorio nazionale, ai ruoli e alle opportunità per le istituzioni nazionali e locali e agli scenari innovativi che si aprono per il mondo delle imprese.

Gli interventi verteranno a dare risposte concrete ai quesiti proposti:

Esiste un modo per rilanciare la promozione culturale e la creatività “sommersa” del Paese? Qual è lo scenario in cui si muovono i piccoli operatori culturali nelle città e in provincia? Quali sono i ritorni diretti e indiretti  per le imprese che scelgono di  investire in attività culturali? La promozione culturale può contribuire alla ripresa economica? Si può fare promozione del territorio e promozione turistica in un momento storico di drastici tagli ai bilanci pubblici?E’ possibile rileggere l’identità e la funzione delle associazioni culturali attraverso nuovi modelli di di business “etico” e di investimento economico che elevino lo standard  qualitativo del prodotto?

In questa cornice, TestaccioLab, impresa creativa capofila del network 1×100 che promuove l’evento, presenterà un proprio modello di investimento in attività culturali che propone una risposta reale all’esigenza di innovazione che proviene da ampi settori di questo sistema.

9 workshop ara pacis 09 8 workshop ara pacis 09 7 workshop ara pacis 09   ec    a4 a5      ba1allestimento arapaxa2

 

 

a1

PROGRAMMA DEI LAVORI

 Ore 16,00 Apertura dei lavori Antonio Pizzola (TestaccioLab)

 

SESSIONE I – I GENERATORI DI CULTURA

a2ga3f

 - Dal “MoveOn 1×100” al modello Tlab  Giulio Mastrogiuseppe

- L’Esperienza di  Esterni Milano  Beniamino Saibene

- Il progetto “VISIONA”: Fare rete per migliorare l’offerta culturale Claudio Curcio –  “Napoli COMICON”; Davide Azzolini – NapoliFilmFestival; Marco Fronza GiffoniFilmFestival

- L’esperienza di FreeShout in Toscana Federico D’Orazio – Frees.Co Equipe Creativa

- Un network creativo di nuova generazione Riccardo Zamurri – Enzo Abbate Xister Roma

- Network e tecnologia – Carlo Infante – Docente Media

 

Sessione II – Ruolo e opportunità per gli Enti Territoriali – Modera Stefano Monti Tafter

a7haa2

- Conquistare il supporto dei privati, rimuovere i pregiudizi del pubblico. La Galleria Nazionale di Cosenza, la Soprintendenza BASAE della Calabria, gli eventi. Fabio De Chirico – Sovrintendente BASAE Calabria (15′)

- Dall’esperienza sul territorio agli indirizzi della Commissione Cultura. On. Fabio Granata – On Vincenzo Vita (Componente Commissione Cultura Camera dei Deputati

- Grandi eventi, ospitalità autentica e numero chiuso a Pompei: comunicare un nuovo stile di offerta. Claudio Velardi – Assessore al turismo della Regione Campania (15’)

- Roma come HUB per la promozione culturale e turistica. Le sinergie possibili tra la Capitale e la provincia italiana per il mercato internazionale.

Umberto Croppi – Assessore alle Politiche  Culturali – Roma -  (15′)

 

Sessione III – Il contributo dell’Economia della cultura per l’uscita dalla congiuntura coordina Myrta Merlino (Rai Economix)

a8a9a0

Uscire dalla crisi: il ciclo breve della spesa pubblica in promozione culturale, il ciclo lungo degli investimenti nelle infrastrutture. Un possibile mix.

Come incentivare le aziende ad investire in promozione culturale nei periodi di congiuntura: la leva fiscale (la via brasiliana o quella americana?

La promozione aziendale e le spese di rappresentanza delle imprese: una possibile risorsa per l’economia e la promozione turistica della provincia italiana.

Federica Raddi (Un nuovo modello di Economia della Cultura – TestaccioLab)

Marisa Casale (Enterprise Spa – main sponsor L’AltroSenso)

Luca Fiorito – Università di Palermo

Michele BagellaUniversità Roma Tre

Franco Fontana – Eugenio PintoPaolo Baccardelli  Luiss Management

Giorgio Santambrogio – Marketing Interdis

Giorgio Viva – Politiche Finanziarie

 

Ore 20,00: Aperitivo con vj+djset – Terrazza Ara Pacis.

33473_158784820815717_100000525993622_403439_2345161_naa1aaaa1

 

CREDITS

Coordinamento Antonio Pizzola Contenuti Giulio Mastrogiuseppe Progetto modello economico Federica Raddi Relazioni istituzionali Serena Dell’Aira  Relazioni partner Melania Rossi Segreteria organizzativa Bianca Berardicurti Allestimento evento Vittoria Faro Logistica e coordinamento risorse Lucia Tesfagabir Visual Roberto Policastro Gestione contatti e performance serata Luigi Mazzei Documenti Video Paolo Bruno (Overcom) Collaboratori Giorgio Viva Valentina Pandolfi, Marco Pisoni, Paola Dores, Valeria Galluzzi Daniela Lunelli, Davide Coluzzi Foto Fabio Mionetti